Denunciare, denunciare, denunciare

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=ox7hj2s-bNU[/youtube]

Leggo dai giornali di ieri l’orribile notizia di un uomo, Omar Bianchera, che nel mantovano, dopo anni di minacce, ha ucciso l’ex moglie e altre due persone. Questa è una di quelle stragi annunciate, come si dice, ma non si è potuto fare nulla perché fosse evitata. Non si è potuti intervenire perché non era mai stata presentata denuncia contro di lui che pure, da tempo, perseguitava la donna. Troppo spesso lo stalking è l’anticamera di reati ben più gravi, come la violenza sessuale o, come in questo caso, l’omicidio. Ed è per questo motivo che ci siamo battuti affinché il reato di stalking entrasse a far parte del nostro ordinamento.

Il nostro obiettivo era chiaro: dare alle donne uno strumento in più per difendersi. Oggi le vittime possono querelare il proprio stalker o chiederne prima l’ammonimento al Questore. Per aiutare le donne in difficoltà esiste anche un numero verde, il 1522, che fornisce ascolto e sostegno. Chi viola una donna deve pagare senza sconti e chi è vittima deve denunciare senza reticenze. Denunciare è il primo passo per mettersi in salvo, per riappropriarsi della propria vita.