Cancro alla mammella: due giorni di prevenzione gratuita in piazza Montecitorio

Questa mattina ho partecipato al varo di una due giorni dedicata alle donne e alla loro salute. Due giorni nel corso dei quali piazza Montecitorio ospiterà una struttura attrezzata per effettuare controlli gratuiti e e prevenire il carcinoma alla mammella.

L’iniziativa è resa possibile grazie alla collaborazione tra SICO, Società Italiana di Chirurgia Oncologia, la CEO Metaltronica e il Dott. Marco Federici, Responsabile di Radiologia dell’Ospedale di Colleferro che hanno messo a disposizione la loro competenza e la loro professionalità.

Nel corso della mia attività di Ministro per le Pari Opportunità, tra le tante attività svolte a favore delle donne, non abbiamo mai trascurato quelle dedicate alla salute e alla prevenzione. Lo abbiamo fatto istituendo, subito dopo il mio insediamento, la Commissione Salute, con l’obiettivo di approfondire e indicare tutte quelle misure di promozione e quelle azioni positive utili a rimuovere gli ostacoli che ancora esistono e non favoriscono la piena realizzazione di quella che viene definita la “salute di genere”.

Per questo abbiamo affrontato problemi specifici: abbiamo avviato una collaborazione con il Ministero della Salute proprio per la prevenzione del tumore alla mammella. Non solo. Ci siamo occupati di endometriosi: una malattia che può rendere un inferno la vita delle donne e che troppo spesso veniva sottovalutata, ma anche del tumore alla prostata, per ciò che riguarda gli uomini; e poi ancora di di depressione e stress e altre patologie psichiatriche; di anoressia, solo per citare alcuni progetti. Lo abbiamo fatto con la consapevolezza che il benessere di ciascuno è una priorità per il benessere dell’intera società.

Sono convinta che incoraggiare le donne a svolgere un ruolo attivo nei confronti della loro salute, sollecitare l’attenzione delle istituzioni in questo senso, sostenere la ricerca sono tutte azioni indispensabili per migliorare la qualità della vita. Di tutti. Si tratta di azioni necessarie anche per abbattere i grandi costi sociali che il cancro impone.

Sempre più famiglie italiane, infatti, devono fare i conti con questa malattia, è vero. Ma se aggredito in tempo il cancro alla mammella è facilmente controllabile e solo una prevenzione corretta può avere senso.

Quindi ben vengano iniziative come quella presentata stamattina. Il mio personale invito a tutte le donne è quello di volersi bene e tenere sotto controllo il proprio stato di salute.

Sono ancora troppe coloro che pensano “non può accadere a me” o che per paura o mero pudore non si recano dagli specialisti a effettuare controlli di routine per prevenire la malattia. Per questa ragione è necessaria la diffusione di campagne di prevenzione per tenere alta la guardia: la diagnosi precoce è la migliore alleata delle donne.