Contro la violenza sulle donne, sosterrò in Parlamento la proposta di aggravanti per omicidio

Gli ultimi drammatici casi di cronaca, i numeri tragicamente in crescita rispetto a quelli del 2011, dimostrano che la violenza sulle donne non può e non deve essere un tema di parte, utilizzato per la campagna elettorale, ma un problema di tutti, dell’intero Paese. E’ giusto, dunque, che si risponda a questo fenomeno insieme, uomini e donne, di ciascun partito, come già si è provato a fare con le aggravanti per i reati di violenza sessuale e con l’introduzione del reato di stalking nel nostro ordinamento: due interventi che ho voluto promuovere negli anni scorsi come Ministro per le Pari Opportunità e che sono stati votati all’unanimità dal Parlamento. Penso che la proposta di legge formulata dall’onorevole Giulia Bongiorno, per l’inasprimento delle pene nei confronti dei responsabili di delitti contro le donne, che colpiscono allo scopo di “punirle per un affronto all’onore o per la violazione di norme sociali, religiose o culturali” possa essere utile e opportuna. Per questo ho deciso di sostenerla nei suoi passaggi parlamentari.