Camorra, serve risposta Stato a Orrore. Pensare a utilizzo dell’esercito

L’omicidio commesso nel cortile di una scuola materna, la rincorsa e gli spari mentre i bambini intonavano una canzone natalizia, è il punto di non ritorno per Scampia. Quei minori, naturalmente innocenti, rischiano di portare tutta la vita i segni dello spettacolo inaccettabile della morte di un uomo davanti ai loro occhi.

Penso che il governo e le autorità locali, il Comune in primis, debbano rivedere la loro decisione di settembre e far sentire la presenza forte dello Stato anche in quei territori, anche inviando l’esercito. La risposta deve essere forte e rapida. Il “Modello Caserta“, inaugurato dal ministro dell’Interno Roberto Maroni, ha consentito negli anni scorsi di recuperare alla legalità luoghi difficili, che sembravano senza speranze, così come oggi può sembrare Scampia.