Crisi, Ocse dimostra che bisogna investire sulle donne per la crescita

Creare lavoro, soprattutto per le donne, significa non soltanto porre freno ad una situazione difficilmente sostenibile di disoccupazione, ma, come evidenzia Ocse, investire sulla crescita del Paese e, di conseguenza, creare benessere.

E’ necessario che, terminata la fase del rigore e delle ristrettezze, si torni ad investire sulle politiche di conciliazione dei tempi di vita e di lavoro, si costruisca un sistema di welfare che consenta alla madri di non dover rinunciare al lavoro, una rete di servizi che supporti le donne che hanno una occupazione e, magari, dei figli.

Negli anni scorsi sono stati avviati molti progetti, dalla realizzazione di nuove strutture per l’infanzia, alla flessibilizzazione del part time, per citare alcuni esempi. Da li’ bisogna ripartire, consapevoli che non si tratta di “sprechi”, ma, come dimostra Ocse, di un investimento sul futuro del Paese.