Gay, chi si stupisce delle parole di Berlusconi era su un altro pianeta

Silvio Berlusconi e il suo governo, sul fronte dei diritti, non hanno nulla da imparare da nessuno. Le dichiarazioni di attenzione ai diritti di tutti rilasciate questa mattina dal presidente stupiscono solo chi negli ultimi anni ha vissuto su un altro pianeta.

Il governo di cui ho fatto parte in qualita’ di Ministro per le Pari Opportunita’ si e’ profuso in un impegno che non ha precedenti in materia di contrasto alle discriminazioni: la prima campagna istituzionale contro l’omofobia mai realizzata in Italia, patrocinata dalla Presidenza del Consiglio guidata da Silvio Berlusconi, ma anche le lezioni di contrasto all’omofobia nelle scuole, gli Osservatori¬†contro le violenze, l’Osservatorio della Polizia di Stato per reprimere i crimini commessi in nome della discriminazione, (il via libera alla legge contro l’omofobia, poi fermata dal Parlamento).

Il governo – e la maggioranza di centrodestra – si sono sempre mossi nella direzione di aumentare i diritti di ciascuno, cancellare disparita’ fuori tempo. Tutto cio’ senza che perdesse mai la sua centralita’ nelle azioni di governo la cosiddetta “famiglia tradizionale”. Fa un po’ tristezza leggere oggi critiche a Berlusconi da parte di chi, come il Pd, parla continuamente di diritti, ma non ha mai prodotto un solo risultato in questo campo. Peggio del Pd solamente il governo dimissionario: in un anno si e’ completamente dimenticato di questi temi; forse perche’ i diritti, come e’ noto, non si possono tassare.