Unipol, condanna abnorme. Reato sia finalmente applicato a tutti

La condanna a Silvio Berlusconi per concorso in rivelazione del segreto d’ufficio è abnorme e, allo stesso tempo, ridicola. Ma siamo confortati dal fatto che, avendo scoperto che esiste questo reato, i magistrati cominceranno ad applicarlo a 360 gradi. E che certo non risparmieranno – essendo tenuti per Costituzione alla terzietà – quei politici che annunciano “scosse” e terremoti, che frequentano i magistrati che indagano su di loro, e quei pm che si candidano nei collegi elettorali all’interno dei quali hanno lavorato, utilizzando carte e intercettazioni – vere o presunte – per creare consenso.