Femminicidio, e’ un bene che il governo consideri prioritaria la lotta alla violenza

E’ estremamente importante che il governo abbia deciso di considerare prioritario un intervento contro la violenza sulle donne, un tema colpevolmente trascurato nell’ultimo anno e mezzo.

Bene ha fatto il vicepremier e ministro dell’Interno Angelino Alfano a proporre una discussione sul tema nel prossimo Consiglio dei Ministri e riprendere il lavoro laddove era stato interrotto.

E’ necessario che si verifichi immediatamente lo stato di attuazione del Piano nazionale contro la violenza di genere, redatto nel 2011 con valenza triennale, e si reperiscano, se servono, nuovi finanziamenti per rendere più efficiente la rete di assistenza e le misure di prevenzione. Il momento politico consente, ora come non mai, di approcciarsi al fenomeno in maniera determinata e condivisa, di impiegare tutte le risorse e le forze necessarie per debellare un fenomeno che continua a stupirci per la sua diffusione e per la sua efferatezza.

Se serve un “tagliando” alle leggi, lo si faccia: è importante che non si lasci nulla di intentato, che in un momento di crisi non ci si dimentichi di chi soffre e, addirittura, rischia la vita.