Elezioni, ottimo esordio per la doppia preferenza di genere

I risultati elettorali evidenziano almeno un dato fortemente positivo per la politica: lo strumento della doppia preferenza di genere, cioè la possibilità di votare un uomo e una donna, è stato apprezzato dagli elettori. Ciò è accaduto nonostante fosse una novità assoluta del nostro sistema e la sua introduzione sia stata poco pubblicizzata nelle settimane scorse. I nuovi Consigli comunali – e le Giunte che ne conseguiranno – avranno una percentuale di donne molto più alta dei precedenti e, quindi, una composizione molto diversa da quella del passato. E’ un nuovo e piccolo passo lungo la strada della parità e per la modernizzazione del nostro sistema, un altro passo verso l’Europa.