Le riforme servono al paese, chi si chiama fuori sbaglia

Il Pdl è compatto nel condividere la necessità di riammodernare l’architettura istituzionale, rendere il nostro sistema più veloce ed efficiente.

Questo sentimento è condiviso dagli elettori -che hanno mandato segnali chiarissimi alle urne – e da un pezzo importante del Pd. Mi auguro dunque che tutte le forze politiche, ed il Pd in primis, non sprechino anche questa occasione e si possa arrivare ad un accordo alto nell’interesse dell’intero Paese.

Una cosa è certa: chi si chiama fuori da questa discussione non avrà più alcuna voce in capitolo quando si tornerà a parlare di costi della politica ed efficienza.