Napule è

Il dono che nel giorno del suo addio spetta ad un grande artista è quello di essere ricordato dalla poesia delle sue stesse parole. Ma si fatica, e non poco, a scegliere attraverso quali parole ricordare Pino Daniele.

Non ho mai conosciuto Pino Daniele,ma conoscevo le sue canzoni, le sue musiche. Il suo pianto e il suo amore per una Napoli di cui ha raccontato sfumature ed emozioni. Un’immagine di bellezza, profumi, sapori, sentimenti che come nessun altro ha saputo dipingere, facendone innamorare il mondo intero.

Mi sento di essergli grata per questo, perché grazie a lui Napoli è apparsa una città tanto complessa, ma tanto bella da togliere il fiato, un groviglio di sofferenza, disperazione, speranza e gioia di vivere. Lui cantava e tu vivevi la meraviglia della sua terra, della nostra terra. La sentivi scorrere nelle vene e non te ne liberavi più, grazie a ritmi e melodie che ti entravano nel cuore.
E oggi, per ricordarlo, scelgo le parole di questa canzone a cui sono particolarmente legata. E le scelgo perché in fondo di questa Napoli siamo tutti un po’ figli.

NAPULE E’

Napule è mille culure

Napule è mille paure Napule

è a voce de’ criature

che saglie chianu chianu e

tu sai ca nun si sulo.

Napule è nu sole amaro

Napule è addore ‘e mare

Napule è ‘na carta sporca

e nisciuno se ne importa e

ognuno aspetta a’ ciorta.

Napule è ‘na camminata

inte viche miezo all’ato

Napule è tutto ‘nu suonno

e ‘a sape tutti o’ munno ma

nun sanno a verità.

Napule è mille culure

(Napule è mille paure)

Napule è ‘nu sole amaro

(Napule è addore e’ mare)

Napule è ‘na carta sporca

(e nisciuno se ne importa)

Napule è ‘na camminata

(inte viche miezo all’ato)

Napule è tutto nu suonno

(e a’ sape tutti o’ munno)