Al vertice Ue sull’immigrazione il Governo non taccia come oggi su coniugi uccisi e su Castello di Cisterna

sbarco-di-immigratiLa questione migranti è esplosa, come era ampiamente prevedibile. Se i fenomeni migratori sono inevitabili è sicuramente possibile gestirli meglio e razionalizzare le azioni da compiere, senza muoversi a casaccio, tentando di risolvere solo quando il problema si presenta.  Ci auguriamo vivamente che l’Italia nel corso del vertice d’emergenza Ue del 14 settembre riesca a far sentire la sua voce, imponendo misure che tutelino il nostro territorio e gli italiani. Speriamo che il  nostro Governo in quella sede non taccia come sta facendo in queste ore di fronte a due episodi, di natura opposta, che riguardano proprio due immigrati: uno che scappato dal Cara di Mineo sembra essere il responsabile della barbara morte di una coppia di coniugi italiani e l’altro Anatoliy Korol che è morto nel tentativo di sventare una rapina nel supermercato di Castello di Cisterna, località in cui viveva da molti anni ed in cui era perfettamente integrato.