L’arroganza del Ministro Boschi e del Governo è inaccettabile

MARIA ELENA BOSCHIL’arroganza del Ministro Boschi che liquida tutta la faccenda delle banche ed il suo eventuale ruolo con le parole ‘vedremo chi ha la maggioranza’ è inaccettabile. E lo è soprattutto perché queste parole sono state pronunciate dal membro di un governo che non è mai stato legittimato dal voto popolare. Un esecutivo, nato con un vizio di legittimità,  che si fregia di riformare la Costituzione italiana e che invece viola l’articolo 1 di questa Costituzione: il principio della sovranità popolare. Un governo che, non smetteremo mai di ripeterlo, non è stato eletto, non è stato scelto dagli italiani e a cui non permetteremo di continuare con questa strategia di assuefazione alla mancanza di democrazia a cui sta sottoponendo le istituzioni, la politica e gli italiani.