Matteo Renzi la fiducia è una cosa seria e tu l’hai tradita

matteo renzi fiduciaLa fiducia è una cosa seria, perchè senza la fiducia l’economia di uno Stato non marcia, non si muove.
L’essere riusciti a ricreare la fiducia nel nostro Paese è un grande merito, non c’è dubbio. Ma questo renderà più cocente la delusione futura.

La gente, i consumatori e le imprese hanno creduto a Matteo Renzi. Alla grande voglia di cambiamento che ha incarnato. Ma l’Italia non ha bisogno di un cambiamento di facciata.

Un cambiamento è necessario, ma non può essere portato avanti senza competenza e senza alcun progetto solido.

Un cambiamento quello incarnato oggi da Matteo Renzi che si fonda su visioni valoriali mobili e opportunistiche. Il Premier non si rende conto della distanza tra ciò che dice e la realtà dei fatti. L’Italia che cambia passo inciampa in quello che certifica l’Eurostat che ci mette all’ultimo posto tra i paesi europei.

La produzione industriale, la disoccupazione in particolare giovanile e femminile, la forte disparità tra Nord e Sud sono i dati oggettivi su cui le chiacchiere di Renzi si schiantano, senza possibilità d’appello.

È necessario, ora più che mai consegnare al nostro Paese percorsi coraggiosi che sappiano dare con competenza e serietà soluzioni. Soluzioni in grado di valorizzare la forza di un’Italia mortificata dalle chiacchiere di un parolaio che ha già tradito il suo Paese.