Gioia per liberazione ma dolore e rammarico per morte nostri connazionali

calcagnoVera gioia per la liberazione di Gino Pollicardo e Filippo Calcagno ed immenso dolore per la perdita di Salvatore Failla e Fausto Piano. Una vicenda quella dei nostri connazionali rapiti in Libia che poteva, e doveva,  avere un epilogo differente: tutti e quattro salvi e finalmente a casa con le loro famiglie. Ci auguriamo che il Ministro Gentiloni il 9 marzo riferendo in aula vorrà informare gli italiani su quanto avvenuto ai nostri connazionali, definendo meglio i contorni di una storia poco chiara, fornendo le adeguate informazioni sul coinvolgimento del nostro Paese nella situazione libica. Allo stesso tempo siamo certi che la nostra intelligence continuerà a lavorare per tutelare i nostri connazionali che ancora si trovano in quello che a tutti gli effetti deve essere considerato un territorio di guerra