Due donne vittime di violenza in meno di 24 ore siamo ad emergenza

Femminicidio_030Nel 2015 sono state 128 le donne morte prevalentemente per mano del marito o del compagno, di media una ogni tre giorni. Il 2016 è iniziato in modo altrettanto cruento con troppe vittime in pochissimi mesi. Oggi siamo all’emergenza con due casi in meno di 24 ore. Assunta Finizio è stata uccisa a colpi di pistola in un bar della periferia di Roma da sua marito, che non accettava che lei volesse porre fine al loro matrimonio ed Elena Di Rienzo è stata ridotta in fin di vita, presa a martellate, dal suo compagno che poi si è tolto la vita.

Sono certa che la magistratura sarà rigorosa nel giudicare l’assassino di Assunta, nel momento in cui venisse confermata l’accusa, ma di fronte a così tante tragedie non possiamo rimanere inermi. Dobbiamo tutelare le donne vittime di violenza ed i loro figli. Entrambe le coppie avevano dei bambini, che lo Stato non può abbandonare, così come non può abbandonare le donne come Elena, che per ora è in coma indotto con una prognosi riservata.
Abbiamo presentato alla Camera dei deputati due proposte di legge una per l’istituzione di un fondo per gli orfani da femminicidio e l’altra per l’istituzione di un fondo per le vittime di violenza. Mi auguro che l’iter di approvazione sia veloce e che vengano presto calendarizzate. Quelle che potrebbero sembrare norme di civiltà si stanno tristemente trasformando in provvedimenti urgenti.